Dalla ricerca di sé alla ricerca dell’essenza del vivere: Semi da coltivare per il Bene Essere.
Email info@francescodrigo.it
Dalla ricerca di sé alla ricerca dell’essenza del vivere: Semi da coltivare per il Bene Essere.
Email info@francescodrigo.it

IL PASSATO:

Nato a Latina nel 1953, dove sono sempre stato, salvo vacanze e gli studi a Roma. Infanzia incasinatissima. Adolescenza un po’ meno, con impegno sociale, spirituale e molto sport. “Bravo ragazzo” (troppo) e anche belloccio mi dicevano. A scuola tutto ok: me la cavavo abbastanza bene senza eccessi. Università a Roma. Nel frattempo avevo messo in stand by la mia “fede”: Sempre tormentato, dubbioso e speculativo ho deciso di darci un taglio. E’ continuato l’impegno sociale e l’interesse per la politica (erano i tempi “caldi” degli anni 70). Studiavo, nel mio modo tormentato e dubbioso, portando a casa sempre ottimi risultati. Nel frattempo quando potevo lavoravo. Con la laurea ho iniziato subito a lavorare. Sposato nell’81, una prima figlia nell’84 e un’altra nel 2000. Da una decina d’anni ho ripreso la mia “ricerca” esistenziale o se preferite spirituale. Senza più riuscire a sentirmi rappresentato nella chiesa cattolica ho sempre mantenuto un mio rapporto con la figura di Gesù. Per me, al di là della “fede”, è sempre stato “la via” da seguire. Non vedo speranza per il genere umano se non nella sua direzione. Negli ultimi anni mi sono interessato a filosofie orientali. Una decina di anni fa, appunto, il buddismo che ho trovato interessantissimo e per molti versi mi ha rimesso in pace con la mia vecchia fede (vi consiglio un libro: “senza Budda non potrei essere Cristiano” di Knitter). Nel 2012 ho iniziato con leggerezza a praticare Yoga con un amico che stava diventando insegnante. Nel 2014 ho intensificato questa pratica per motivi fisici con ottimi risultati, ma iniziavo anche a percepire il valore psicologico e “oltre” di questa disciplina. Nel settembre del 2016 ho iniziato un percorso di approfondimento presso il Centro “Studi Yoga Viniyogah” di Antonio Olivieri. Ma siamo già al presente.

IL PRESENTE:

Sono in Pensione dal 1° ottobre 2018, ma solo dal Servizio Pubblico. Continuo l’attività di Psicoterapia privatamente, porto avanti progetti che avevo riservato al “dopo pensione”. Ad esempio creare questo sito, ed altre cose. In realtà stanno procedendo più lentamente di quello che immaginavo. Beh, mi prendo il tempo per assaporare le cose di tutti i giorni come le faccende domestiche, un po’ di movimento fisico, la mia grande passione che è la montagna e la pratica dello Yoga.

Mi soffermo su queste ultime due:

La montagna. Dal 2006 al 2015 ho avuto un serio problema alla caviglia. Ero praticamente invalido. Ogni passo una coltellata. Negli ultimi anni neanche il bastone mi aiutava più. La sofferenza e il senso di invalidità di quel periodo mi hanno segnato. Dopo un intervento chirurgico importante e un anno di riabilitazione sofferta ho ripreso pian piano a camminare, e poi a passeggiare, e poi a muovermi per chilometri, e poi salite e discese, e poi ….la montagna. Un regalo della vita. Tutte le mie aspettative erano di riuscire a fare qualche passeggiata a piedi, e invece….. Negli ultimi anni ho perlustrato in lungo e in largo tutti i monti Lepini. Una gioia.

Lo Yoga. Tra un anno concluderò il processo di apprendimento che mi “abiliterà” ad insegnarlo. Ma non avrò certo concluso la mia formazione e la mia ricerca in questo campo. Ho sempre considerato la Psicologia una preziosa e necessaria risorsa nella ricerca del benessereMa l’essere umano non si può ridurre solo all’ ambito psicologico. Intorno alla Psicologia ci sono tanti campi ( filosofia, sociologia, biologia, ecologia, ecc. ),  e sicuramente ci sono cose “sotto” e “sopra” di essa: il corpo e …qualcosa che va oltre (metafisico). Ho già accennato altrove al fatto che lavorare nel campo Psicologico significa comunque avere a che fare anche con altri ambiti. Per quello che riguarda il rapporto col corpo integravo il mio lavoro psicologico con la competenza che mi veniva dal Training Autogeno. Ora ho trovato nello Yoga sia la proposta di un rapporto con il corpo sia con….”oltre la mente” che sposa perfettamente con il mio lavoro. Attenzione dico lo stesso ai miei amici ed insegnanti di Yoga. Anche lo Yoga ha bisogno della Psicologia per evolvere. Per quanto alcuni testi di 2000 anni fa sembrino proprio manuali di Psicologia (ad es. gli Yoga Sutra di Patanjali) è innegabile che la psicologia attuale abbia accumulato conoscenze e pratiche molto più evolute sul funzionamento del “mentale”.

Leave a Reply